martedì 4 maggio 2010

R'zzat L'kadi...ovvero il "Turbante del Giudice"رزة القاظي

RIZACOLORE

E ancora una volta sono arrivata a questo tipo di pane cercando in rete ben altre cose ;-)
Anche questo è un pane arabo della tradizione magrebina.
E' un pane che si consuma durante il Ramadan e il suo curioso nome deriva dalla forma strana che si da all'impasto.
Forma che ricorda molto il copricapo che gli uomini magrebini(solo in alcune regioni) usano per proteggersi dal caldo/freddo e/o dalle tempeste di sabbia.
Avete presente i Tuareg i turbanti che indossano, la loro forma? Ecco è la stessa di questo meraviglioso pane ;-)
Una fusciacca molto molto lunga arroltolata su se stessa,esattamente come questo pane..
Si mangia accompagnato da miele, cioccolata ,marmellata ecc..ecc..
Ma siccome è di fatto un pane come tale ho preferito usarlo perciò non l'ho "sfilacciato" una volta pronto come invece si dovrebbe fare nella maniera tradizionale..
riza3

l'ho invece lasciato intero ..

rizavuoto1
per servirlo poi come fosse una piadina..
Ho cmq provato ad assaggiarlo anche con la marmellata e il miele..

rizafragole
Ma lo preferisco come pane.
Perfetto semplicemente con del prosciutto, dell'arrosto freddo, insalata, pomodori..
Se si vuole un ripieno caldo basta cuocerlo un pò meno farcirlo e poi passarlo in forno..
Visto che più difficile da spiegare che da realizzare vi lascio un link di una ragazza magrebina che spiega molto bene il passo passo..
  • QUI

  • Impasto davvero facile da lavorare,si stenderà molto bene anche solo con la pressione delle dita.
    Dovrete ottenere una pasta morbida ma non appiccicosa lasciatelo riposare per una ventina di minuti(foto 1)
    Formate poi 11 pagnottine che andranno poi unte molto bene per non farle seccare(foto 2)
    A proposito nella ricetta originale si usa molto molto burro per mantenere l'impasto umido io ho preferito usare metà olio e metà burro,la prox volta vorrei provare ad usare solo olio..
    La terza fase consiste nel formare i "fili" di pasta che andranno poi a costituire il "turbante" ora come potrete notare nel blog linkato la ragazza lo fa a mano,bè io ci ho provato ma mi sa che dovrei fare pratica almeno 50 anni prima di riuscirci ;-)) perciò si fa semplicemente così..dopo aver steso la vostra pallina la passerete nella nonna papera proprio come quando si fanno i tagliolini facile e veloce ;-) (foto 3)
    Poi prendete i fili e arrotolateli nell'incavo di un mattarello ben oleato e iniziate a girare,io per far più in fretta ne ho arrotolati ben più di uno alla volta altrimenti non avrei più finito (foto 4)

    rizacollege-tile

    Anzi dopo un pò ho provato un altro sistema..
    Una volta ottenuti "i fili" li ho disposti ben tirati ed allineati sul piano di lavoro,unto bene il tutto ho inizaito ad arrotolare i fili tirando il mattarello verso di me ad ogni giro (foto 1) non vi preoccupate se la pasta si rompe ogni tanto continuate ad arrotolare..una volta finito il giro (foto 2) ho fatto scivolare la pasta fuori dal mattarello (foto 3)formando di fatto i turbanti ;-)
    Nella preprazione tipica si usa appiattire i turbanti con le dita in modo che non siano proprio piatti piatti altrimenti il passaggio della "sfilacciatura" diventa difficile da praticare,ma siccoem io li volevo ben piatti per poi formare una quasi piadina,li ho passati con il mattarello (foto 4)..

    rizacollage3

    Non sono stata a guardare i vari spazi lasciati dalla pasta ,del resto sono anche belli da vedere sembrano dei centrini di pasta ;-)

    rizavuoto3

    Ora delle note importanti,prima di tutto dovrete sempre tenere ben oliato il tutto per non rischiare che la pasta secchi, come gia detto è una pasta molto molto facile da lavorare,non aggiungete più lievito delle dosi date perchè davvero non serve,non importa se la pasta si rompete continuate in tranquillità ad arrotolare anche i pezzi che si staccheranno,se non le mangiate subito avete due opzioni,mettere i turbanti con ancora "stirati" in frigo coperti da pellicola,oppure usare dei fogli di alluminio tra un turbante gia steso e l'altro poi riporre in frigo o ancora,cuocerli a metà e poi poco prima di usarli passari in forno e finire la cottura.
    Una volta appiattiti con il mattarello non preoccupatevi perchè sarà facilissimo passarli in padella non si romperanno ;-).

    R'ZZAT L'KADI

    rizaprosciutto
    Questa è la ricetta che usano un pò tutti..

    400 gr di farina bianca

    300 gr di semola rimacinata fine (ho usato la Senatore )

    3 cucchiai di olio

    1 cucchiaino di sale

    1 cucchiaino di zucchero

    2 cucchiani di lievito di birra

    200 gr tra olio e burro per mantenere l'impasto umido

    Acqua tiepida io ne ho usata circa 300 gr ma tutto dipende dall'umidità della vostra farina ,perciò regolatevi versandone poco alla volta.
    Impastare il tutto (non i 200 gr di grassi)e far riposare 30 minuti circa,dividere la pasta in palline (11) e iniziare a lavorare mantenendo il tutto ben oleato.

    27 commenti:

    astrofiammante ha detto...

    una meraviglia di pane....il giorno che mi riuscirà voleranno anche gli asini ;-)))) ciao Lory, spero vada tutto bene, è da un po' che non ti vedo bazzicare FB...a dir la verità ci sono poco anch'io, bacio!

    Giò ha detto...

    meraaviglia, aggiungo anche questo alla lista dei tuoi pani arabo-africani..uno più bello dell'altro e sempre affascinnti nella preparazione!ti adoro

    lucia ha detto...

    che bello! Una variante esotica della piada, tutorial fotografico sulla preparazione assolutamente chiaro! Ciao e a presto

    Cristina ha detto...

    ma che sfizioso questo simil pane! anche io lo vedo bene con arrosto insalata e pomodoro. bella spiegazione, brava!

    La cuoca Pasticciona ha detto...

    Sono senza parole.. solo a vederlo mi viene fame.. accipicchia che voglia... bacio Lory

    Castagna ha detto...

    Caspita, ma deve essere veramente lungo da fare!
    Ma poi com'è che continui a trovare quetse delizie in rete?
    Ormai stai diventando un'esperta di pani orientali !! (e quanto mi piacciono!)

    Non posso che farti tutti i miei complimenti....mi ispira molto anche nella sua versione con il miele...
    Ora vvado a avedere il link che hai lasciato!
    Ciao!
    Castagna

    Luvi ha detto...

    noo, che spettacolo! chissà prima o poi provo...Grazie

    Acquolina ha detto...

    bellissimo! e che lavoro! sembra delizioso e hai fatto delle bellissime foto
    Ciao!

    Blueberry ha detto...

    che meraviglia!!! ma quanto ci hai messo però? mooolto invitante, complimenti per la bella trovata!
    chiara

    Zasusa ha detto...

    questo pane mi attira molto! prima o poi lo provo anch'io

    Lory ha detto...

    Ciao ragazze,in verità non molto tempo,una volta pronti i fili è tutto molto veloce,dicaimo che in tutto cottura compresa..un paio di ore!!! ;-)

    dede ha detto...

    io vengo a leggere solo per rifarmi gli occhi. che meraviglie sai fare tu, Lory bella!!

    Meg ha detto...

    Buonissimo questo pane arabo. Sono stata a Istanbul l'anno scorso e forse ne ho mangiato uno molto simile, con miele e pistacchi, era buonissimo ;)
    Meg

    arabafelice ha detto...

    Il pane e' una favola, ma una favola e' la tua realizzazione!
    Non so piu' in che lingua dirti quanto sei brava...forse in arabo? ;-)
    Un bacione.

    Alice ha detto...

    è vero è meraviglioso, mi aggiungo a tutti i complimenti che ti hanno fatto, io non oserei fare questo pane perchè sono una pasticciona, con quei fili andrei in crisi, lo so!!!
    baci!!!

    FuoriDiZucca ha detto...

    Mi hai proprio fatto venire una fame!!!!! Sei stata bravissima!...che lavoraccio però..no??

    Alessandra ha detto...

    ma che pane pazzesco!! "mi scanto" (mi spavento) quasi a prepararlo, io non c'è l'ho ancora la nonna papera, perciò mi salvo la ricetta!
    m'hai fatto venire una fame!
    baci

    Virò ha detto...

    Meraviglioso!

    Ogni Paese ha la sua ricetta di pane, dato che è davvero il cibo di tutti gli dei, e quelli che stai proponendo tu ultimamente hanno un aspetto quasi magico...

    Condivido, non so perchè, l'abbinamento di questa preparazione più con il salato anche se, ripensandoci, un po' di miele con i semini di sesamo sopra...

    Marcela ha detto...

    Meraviglioso! Di quelle cose che ti restano nel cuore e nella mente. :)
    Grazie di questo bellissimo post!
    Baci,

    Marcela

    Genny G. ha detto...

    mivedo già la cucina indisastrata e un risultato pessimo se solo provassi a fare questo pane, che però pare tanto goloso...che dici , rischio?

    Ciboulette ha detto...

    più hanno nomi impronunciabili più sono spettacolari i pani che ci stai proponendo, Manuela.....sei sempre grandissima, e aspettarti vale sempre la pena. Un bacio grande!

    rosypasticciona ha detto...

    Brava !! è un piacere passare dalle tue parti c'è sempre da scoprire e imparare
    Un caro saluto :D

    Lory ha detto...

    @ Dede.oddio bella proprio non direi ;-)

    @ Meg è proprio così che si mangia ma io lo preferisco salato ;-))

    @ Araba cara ,tu ci riusciresti davvero ;-))

    @ Alice ,ti assicuro che nessuno di questi fili ti manderà in crisi ,sono così facili di lavorare..

    @ Fuoridizucca,no in verità nessun lavoraccio solo un piano di lavoro adatto e tutto si può fare ;-))

    @ Ale mi scanto...ahahahah so benissimo cosa significa tranqui ;-)) quando avrai la nonna provala e dimmi ;-))

    @ Virò,io ho provato con il miel ma non amando il dolce non apprezzato ,ma i famelici di casa si eccome ;-))

    @ Marcela grazie a te ;-))

    @ Cib,qualcuno penserà che stai parlando con un'altra persona..ahahahaha ;-)

    @ Rosy aiutare è un piacere davvero! ;-))

    ROBERTO ha detto...

    Lori complimenti questo pane è troppo bello io sono affascindato da tutti i tipi di pane che esitono...!! Lo faro sicuramente!

    Cassandrina ha detto...

    Non ho mai visto niente di simile in tutta la mia vita, vado subito a visionare il link che hai indicato perchè sono realmente esterrefatta!

    Un saluto...Fabi

    Lory ha detto...

    @ Robi grazie se lo fai dimmi poi il risultato! ;-)

    @ Ciao Fabi,guardalo perchè è davvero esplicativo meglio delle mie spiegazioni ;-))

    Luvi ha detto...

    http://ilmondodiluvi.blogspot.com/2010/05/pane-filato-marocchino.html
    fatto, che bontà! Grazie!