martedì 12 gennaio 2010

I Cazzillitti di Scanno..

cazzillibroccoli1
Scanno è un piccolo paese in provincia dell'Aquila posizionato sopra il Monte Carapale.
Ci sono stata diverse volte e ogni volta la domanda era la stessa...Com'è possibile racchiudere in così pochi kmq tanta meraviglia ;-)
E' un paesino di una bellezza che toglie il fiato.
D'inverno quando la neve cade copiosa è meraviglioso passeggiare tra i viicoli stretti stretti nel silenzio assoluto .
D'estate lunghe camminate sulle sponde del bellissimo lago posizionato alle spalle del paese.
Lago che badate bene ,non è mica un laghetto qualsiasi ;-) Ma è il lago naturale più grande d'Abruzzo!
E come non rimanere stupiti ancora di più quando vi ritroverete ad ammirare i Palazzi storici ,le fontane,gli archi,le chiese il curioso e bellissimo Museo della Lana,la bellissima statua della "Donna Scannese".
"La perla d'Abruzzo" così è denominato questo piccolo meraviglioso paese.
La storia Scanno ha un che di misterioso e curioso,legata pare a Plinio al Mar Rosso alla Libia,cercate in rete sono sicura ne rimarrete affascinati ;-)
La nonna di una mia amica d'nfanzia era originaria proprio di Scanno,trasferitasi con la famglia a Milano perchè al paese non c'era lavoro per i figli ora mai diventati "giovanotti", d'estate usava prendere una sedia che posozionava davanti ai tre gradini di casa , sopra alle ginocchia una grandissima asse di legno la cui parte finale appoggiava sopra il gradino di mezzo poi farina ,acqua bollente mentre impastava ci raccontava storie sulla sua infanzia e su questo paese che grazie ai suoi raccconti lo immaginavo popolato ma maghi e fate ;-)
Vedere le sue mani rugose che lavoravano questa pasta bianchissima e vellutata mi affascinava da matti.
La nonna di Mariangela ne staccava sempre un paio di pezzi per noi e mentre raccontava noi ci divertivamo ad impastare insieme a lei, era uno spasso di donna ;-)
E così dopo tanti anni, di passaggio in Abruzzo non mi sono fatta scappare l'occasione .
Era proprio così come lo desciveva lei nei suoi racconti ;-)
Scanno è davvero un paese incantato e sono sicura che cercando bene tra strette stradine,archi e fontane qualche folletto prima o poi..
La cucina tipica d'Abruzzo è composta da piatti semplici ricchi di storia e di tradizioni.
Solo per citarne alcuni..
I maccheroni alla chiatrra,l'agnello ,il castrato,le famossimme Sagne per i dolci le Ferratelle.
I Cazzittilli invece dalle mie ricerche fatte dovrebbero essere proprio tipici del paese di Scanno.
Un tempo si preparavano conditi con gli orapi (spinaci selvatici di monte)e i fagioli.
Piatto semplicissimo da preparare e anche velocissimo,l'importante è che l'acqua con cui impasterete la farina sia bollente.
Dovrete ottenere un composto liscio e morbidissimo così..

cazzillipasta3
Altra cosa importante formate dei cordoncini che poi taglierete trasversalmente in modo da ottenere dei piccoli gnochetti (un paio di cm) con entrambi i lati a punta..

cazzillitaglio1

*** Ora con il dito indice ben infarinato schiacciate ogni pezzetto di pasta tirandolo verso di voi in modo da formare un buco nel centro..

cazzillidito

Otterete infine dei piccoli gnocchetti..

cazzillipronto
Cuoceranno in pochi minuti il condimento è a piacere io li ho preprati con broccoletti e ciccioli di maiale..
ciccioli

*** Quello è il dito di Sara che dice essere bruttissimo vero che non è così ?? ;-))

CAZZILLITTI DI SCANNO CON BROCCOLETTI E CICCIOLI

cazzillibroccoli

PER LA PASTA

500 gr di farina 00

250 gr Acqua bollente più o meno (dipende dall'umidità della vs farina)

Sale

Impasstare tutto velocemente formare dei cordoncini che tagliere trasversalmente,formare gli gnocchi e lasciare asciugare sopra ad una spianatoia.

PER LA SALSA


300 gr Broccoletti

80 gr di Ciccioli di maiale

1 Spicchio di aglio

Pperoncino

Olio extra vergine

Cuocere i broccoletti conservate l'acqua per la cottura della pasta.
In una padella far soffriggere l'aglio ,il peperoncino, aggiungere i broccoletti versare la pasta togliere dal fuoco mescolare delicatamente mantecando con olio.
Spolverare i ciccioli sopra ogni piatto!

39 commenti:

La cuoca Pasticciona ha detto...

Ciao Manu... che bel rientro, beh che dire io i ciccioli li conosco benissimo perché qui a Reggio Emilia esiste un detto sul maiale, "DEL MAIALE NON SI BUTTA NIENTE"... bellissimo piatto da gustare e da sperimentare... baciotti, buon anno 2010 e buo rientro

Sarah ha detto...

Pensa che a Scanno mi ci ha portata, ormai 7 anni fa, il mio ragazzo (per impressionarmi I suppose ;)) e ho ancora in giro le foto fatte proprio al meraviglioso lago da te menzionato!
Sua mamma è abruzzese, e tutte le estati le passavano al paese, a pochi km da lì...
Mi hai fatto tornare a bellissimi ricordi ;)

Questo formato di pasta invece non lo conoscevo -del resto mi ha portata al lago, non in trattoria ;P-, ma passando da te la garanzia di scomprire sempre qualcosa di nuovo ce l'ho!

p.s: chiunque si chiami Sara ha mani e dita meravigliose. :D

Claudia ha detto...

SPOSIAMOCIIIIIIII!!!!!!!!!!

Lory ha detto...

Pasticciona cara i vostri ciccioli sono semplicemente meravigliosi e io del maiale non butto prorio nulla ;-)
Altra ricetta nei prox giorni ;-))

@ Sarah,mmmhhh che mancaza bisogna subito rimediare ;-)
Vero che le Sara sono tutte belle? ;-))
E quella testona di mia figlia che non vuole capirlo ;-)

@ Cla AHAHAHAHAHAHAHAHAHA
Subito subito che credi?

Sarah ha detto...

Lory: ti lascio un'altra dritta. Le Sara sono anche tutte delle incredibili testone. ;)

Elena ha detto...

deliziosissimi i cazzilletti....da noi invece il cazzillo è una crocchetta di patata fritta!!! Baci

Lory ha detto...

Te ne dico una io..Lei è la regina incontrastata delle testone..AHAHAHAHAHAHAHAH!

Lory ha detto...

Ciao Ele , si conosco i Cazzilli riuscirei a farne indigestione ;-)

manuela e silvia ha detto...

Ciao Lory! per noi questa apsta è una novità: propri non li avevamo mai visti, ma sembrano davvero molto originali e ci piacerebbe proprio provarli!
interessante anche l'abbinamento di ingredienti per il sugo!
ne prendiamo una porzione intanto...
baci abci

valina ha detto...

uh che bello! io adoro la pasta senza uova...fa proprio per me! questo formato poi mi sa di "masticoso" ( predilisco la pasta da masticare come cavatelli, bigoli..qlcs d consistente sotto i denti piuttosto che una tagliatellina... )...mi sa che lo provo sicuro! ( ecco...magari i ciccioli no! :-P )

iLa ha detto...

Buon anno Lory!

Lo ha detto...

buongiorno meraviglia...che bello elggerti e che bello quando mi spieghi passo passo come fare una cosa speciale!!! Il dito è meraviglioso ;) un bacione

Fra ha detto...

Questi ricordi sono così affascinanti, parlano della storia dei nostri genitori e nonno, di paesi magici e incantati. Epoi ci sono questi piatti della tradizione che ci riportano direttamente alle nostre origini.
Grazie per questa straordinaria ricetta
Baci
fra

Il Blog | Attualità | Psicologia ha detto...

Ciao, leggo spesso il tuo Blog e lo trovo interessante. Mi farebbe piacere fare uno scambio di link con il mio www.francescogreco.splinder.com

Ciao
Francesco

Roxy ha detto...

Bentornata cara! Questi cazzillitti sono assolutamente da provare! baci

Dida70 ha detto...

bentornata mia dolce Lory e grazie per questa meravigliosa ricetta, mi hai fatto andare indietro di ben 7 anni ormai, la prima vacanza fatta insieme al mio attuale marito, Alfedena, Villetta Barrea, il parco Nazionale d'Abruzzo...Civitella dove abbiamo mangiato la cipollata buonissima mmmm...Scontrone e poi Scanno...deliziosissimo, ricordo che abbiamo mangiato dei dolcetti tipici buonissimi, spero proprio di tornarci presto, intanto mi consolo con la tua ricetta che è di un goloso unico per me che amo questi sapori ... i ciccioli poi, me li mangio così...al naturale...è esagerato, mi devo vergognare?
bello quel ditino, si può vedere anche il resto della mano?
baci
dida

terry ha detto...

Come mi paicciono queste ricette regionali, piene di storia e tradizione!
bravissima! ottima preparazione!

ciao

Terry

Giò ha detto...

bentornata!!
non conosco l'abruzzo, avevo organizzato una vacanza circa 3 anni fa ma poi causa problemi vari era saltata! certo che dal tuo racconto e dalla golosissima ricetta Scanno sembra un paese fatato!

dEleciouSly ha detto...

Ciao, tesorissima... ma bentornata! Accipicchia, ad averlo saputo prima: ti avrei fortemente voluta in giuria ma non avevo idea di quando saresti rientrata di preciso e mi occorreva la disponibilità prima di "lanciare" il contest. Vabbé... non mancherà occasione, ma sappi che ti ho pensata.

(Ah, semmai ti andasse di partecipare, avresti invece ancora largo margine di tempo.)

L'Abruzzo chetelodicoaffà è nel mio ♥ e Scanno in particolare: mi fece lo stesso effetto la prima volta che la vidi, anni fa!

I tuoi piatti sono sempre strepitosamente ricercati, gustosi e ben presentati! Adoro il tuo blog!

Un bacione e buon proseguimento di giornata!

Ele :)

Artemisia Comina ha detto...

lo conosco bene, fin da bambina; così, è un posto particolare anche per me :)

dauly ha detto...

hai raccontato una poesia!!!!
l'abruzzo è stupendo, ma quale parte d'italia non lo è,
questa ricetta ha tutto il gusto e la semplicità delle nostre tradizioni...grazie!!!

dede ha detto...

accipicchia che belli. dico una corbelleria forse, ma mi fanno pensare a certi gnocchetti sciuè sciuè fatti solo di farina e acqua che tanti secoli fa avevo preparato anch'io seguendo una ricetta di chissà chi.
approfitto per mandarti un abbraccione

Lory ha detto...

@ Ciao gemelline buon anno accomodatevi!

@ Val tutto quello che vuoi tranne i ciccioli ok ;-))

@ Ila tesora buon anno a te!!

@ Lo bella gioia ;-) Sara ringrazia ;-))

@ Fra grazie a te ;-)

@ Roxy provali facili veloci e gustosi ;-)

@ Didaaaaaaa ma ciao spettacolo ;-)) la cipollata è una cosa da urlo accomapgnata da pane cotto nel forno a legna ..potrei morire ;-))
Per il resto della mano,sto preprando una sorpresa alla sua legittima proprietaria pubblicherò il pos 4 febbraio ;-)))

@ Ciao Terry grazie!

@ Ciao Giò organizzala nuovamante non te ne pentirai ;-))
Scanno è da visitare!

@ Ely ciao tesora ho pensato anche a te mentre scrivevo la ricetta ;-))Per l'invito grazie ne sarei stata davvero onorata per la partecipazione,ccidenti io sono una frana con i dolci non prometto nulla vedremo un pò ;-)

@ Artemisia il posto del cuore ;-)

@ Dauly ma ciao buon anno ;-))

@ Dede parli della ricetta di nanninella ,ma questa è un'altra storia ;-))

Virò ha detto...

Che bella l'abitudine delle donne di paese di sedersi sulle seggioline fuori dalla porta di casa nelle serate estive...penso sia un gesto di socialità e condivisione (e anche un po' occasione di pettegolezzo) della maggiorparte dei paesini del centro sud...le ho viste in Sardegna, in Sicilia ed in Puglia...

Bellissimo anche l'uso dei ciccioli: ho assaggiato un pane che li conteneva negli ingredienti che penso sia il migliore che abbia mai mangiato...

Mimmi ha detto...

Ciao Lory, bentornata (alla grande!!) e buon anno!!

Aiuolik ha detto...

Ma sono bellissimi! Per me senza broccoli però :)

salsadisapa ha detto...

eccotiiiiiiii
no è che ho sentito il profumo, e son arrivata qui :-)
conosco scanno e zone limitrofe: hai ragione è un posto incastonato nel tempo!
pure nello spazio :D
ora mi studio bene 'sta ricettina che non conoscevo... un abbraccio carissima!

excalibur ha detto...

e i Mostaccioli e agli favolosi dolci di Scanno li hai provati? Il mio Abruzzo forte e gentile è assolutamente da "SPONSORIZZARE" e tu Lory lo hai fatto proprio alla grande grazie!

Dodò ha detto...

il tuo blog è un punto di riferimento per me! è bello scoprire sempre qualcosa di nuovo e vedere come reinterpreti è favoloso!
Scanno è un posto strabiliante, concordo!
Questi gnocchetti sono molto simili ai cavatelli che faccio con il ragù. Anche quelli sono impastati con solo farina e acqua calda. La differenza è che i cavatelli si tagliano a tocchetti (senza punte) e si "cavano" con due dita.
ciao e a presto!

Cuoche dell'altro mondo ha detto...

È un piacere per gli occhi e per il palato tornarti a leggere. Bentrovata cara Lory.
E la prossima volta che sarò in Abruzzo Scanno non mi scappa :-)
Baci
Alex

miciapallina ha detto...

Come sono contenta di ritrovarti!
Scanno l'abbiamo vista con Gg, in moto, la scorda estate, quando le fughe in moto in abruzzo erano il nostro ossigeno in mezzo al caos.
Ma questa pasta mi era sfuggita.
Ho giusto giusto una ricettina che di solito iso fare con le orecchiette... quindi, non mi resta che provare!
... ...
Urca che bello... sei di nuovo qui!

nasinasifelici

cocozza ha detto...

Lory sei straordinaria nel raccontare e preparare
buon anno cocozza

Adriano ha detto...

Eh, si, carina Scanno, di tanto in tanto ci vado anch'io, vincendo le resistenze di chi non sopporta le curve.
Cazzittilli si chiamano lì?. Nella zona di Roccaraso, li chiamano cazzarielli.

silvia ha detto...

stesso impasto, quasi, degli strozzapreti. a dimostrare che ogni zona prende e manipola personalizzando. a dimostrare anche quanto la condivisione sia necessaria e contrastata. io osservo e imparo. e mi piace tanto come racconti, oltre al resto. grazie. ps sara è bellisima. vista la foto. e lei non ci crederà mai.

Patty53 ha detto...

Bellissima questa pasta!!!belle le foto...i cazzittilli sono assolutamente da provare...sei proprio brava...ciao alla prossima!!!

Jas ha detto...

ciao, innanzitutto complimenti per il blog, invidio quelli che come te riescono ad arricchire una ricetta di storia e racconti, le mie ricette sono invece sempre molto scarne, basic, direi.
Sono sempre alla ricerca di ricette per le mie cene di beneficenza. Generalmente sono cene vegetariane, questa volta però devo organizzare una cena vegan e questa pasta mi sembra molto interessante.
Ora provo a farla, poi ti faccio sapere cosa ne penso.

furfecchia ha detto...

meno male che ho trovato questa meraviglia... mi hanno regalato una valanga di ciccioli e non so che farne... un'idea per il fine settimana quando c'è più tempo anche per preparare la pasta fresca!
Ciao
Silvia

Elisabetta ha detto...

sei straordinaria nel preparare la pasta fatta in casa!!a me piace moltissimo ed è per questo che arrivo qui..cercavo formati nuovi da fare..questi li provo di sicuro!!mi piacciono molto!!grazie e cari saluti!!

Adriano Tarullo ha detto...

Bellissimo post!!
Te lo dice un piccolo menestrello di Scanno!! Oltre al piatto tipico,mi ha fatto piacere anche leggere di come la nonna della tua amica raccontava le favole dei maghi ( a proposito, è stato scritto un libro "Le leggende del lago di Scanno"). Il piatto tipico sono i "chezzellitte 'che le fuojja" (la e finale è muta, cazzillitti è un termine italianizzato). Le fuojja è una verdura simile alle cime di rapa. Per quanto riguarda la ricetta antica a cui ti riferisci nel post, si tratta di una piccola variante dei chezzellitte: sono i chezzellettille con gli orapi, patate e fagioli e sono in brodo. Ci vediamo prossimamente a Scanno!!!!!!! Un saluto a tutti