lunedì 14 aprile 2008

INDIA..DI ORO E ALTRE COSE!

naan00
Nel corso degli anni ho avuto la possibilità di seguire corsi di cucina etnica.
L'ultimo sulla cucina indiana ho avuto la fortuna di segurilo in America,tenuto da uno chef del Punjab,amico di una cugina dello stregone;-)
Mr.Rajiid con cognome impronuncilabile e difficile da ricordare,era un uomo piccolo con due occhi nerissimi che ti frugavano l'anima,molto credente,usava ringraziare gli dei dopo l'esecuzione di ogni piatto.
Da lui ho imparato un sacco di cose e nn solo di cucina,ma anche della loro cultura.
Racconti nn sempre comprensibili a noi occidentali,gli intoccabili, la dea Yellamma e le devadasis,ma queste sono altre storie..
Cosi visto che nel we ho cucinato indiano ho pensato di tirare fuori i miei appunti e di riportarli anche a voi,sperando che la cosa vi sia gradita ;-)
Quando si parla di cucina indiana nn bisogna farlo in senso univoco,per il semplice fatto che le etnie e le religioni in quel paese sono così tante,che sarebbe davvero difficile mettere a tavola con gli stessi cibi,indù,parsi mussulmani e cristiani.
I primi ad esempio nn mangiano carne di mucca perchè ritengono sia un animale sacro,mentre i parsi e i cristiani si,i mussulmani nn mangiano maiale ecc..ecc..
In India vengono consumate grandi quantità di pollame capretto e agnello,pesce,verdure e latte con tutti i suoi derivati,ma nn fermentati!
Naturalmente nn manca mai il riso, ma neanche il pane,famoso anche tra noi occidentali.
In india l'olio è poco usato,si preferisce preparare il Ghee conosciuto da noi come burro chiarificato alimento considerato sacro, perchè viene preprato con latte di mucca.
Gli Hare Krishna lo chiamano oro giallo ;-))
I cibi indiani che noi occidentali abbiamo imparato a conoscere sono in verità l'insieme di tante cucine!
Dal Punjab,il famoso tandoori,i samosa e i vari kebab.
Madras per i suoi famosi curry,dal Gujarat e Rajastan i piatti di verdure ma sopratutto di cocco in quanto zone molto umide perfette per la crescita delle palme,da Goa cucina con forti influssi portoghesi, il vindaloo, famoso spezzatino di maiale piccantissimo.
Nel centro dell'india cucina di derivazione persiana con i samosa,e i kebab,il pesce cucinato divinamente fà parte della zona benagalese.
Nel Baltistan pollo e pesci d'acqua dolce.
A Delhi prevalgono spezie e ricette sofisticate con preparazioni bellissime anche da vedere ;-)
Infine per i legumi, le zuppe, minestre con ricerca particolare di verdure sempre fresche e dal gusto piccantissimo, le zona del Tamil Nudu e Karnataka.
Insomma un insieme di popolazioni, prodotti, costumi ,tradizioni e religioni davvero immense..
Nulla di quello che ho scritto vuole essere una lezione, troppo ancora ci sarebbe da raccontare e troppo ne avrei ancora da imparare,perciò per ora mi fermo qui, altrimenti diventa davvero pesante da seguire la cosa..
Vi lascio però un link che ho trovato in rete,leggete quale meraviglia è il ghee.
E'davvero oro giallo!
  • GHEE

  • Ho preparato del naan di cui esistono diverse versioni,io vi metto quella che a me più piace,l'ho servito con gamberi al cocco e tutto cucinato usando anche il ghee.
    Queste sono ricette facili da preparare e di sicura riuscita..

    NAAN

    250 gr di farina 00

    3 cucchiai di yogurt (leggermente zuccherato)

    1/2 cucchiaio di lievito in polvere

    3 cucchiai di ghee

    1 uovo

    125 gr di latte

    10 gr sale

    semi di papavero

    Mischiare la farina e il lievito,aggiungere il ghee,lo yogurt,l'uovo e il sale,incominciare ad impastare,versare il latte a cucchiaiate,dovrete ottenere un impasto liscio morbido e nn apiccicoso.
    Mette a lievitare per 2 ore,una volta pronto tagliare in tante parti(decidete voi la dimensione)formare delle palline che andrete a stendere con un mattarello,ungete con il ghee la superfice di ogni naan e versate i semi di papavero a piacere.
    Si cuociono a temperature molto alte,questi li ho cotti sopra una pietra refrattaria portata a 250 ° in forno uno alla volta,se nn disponete della pietra,usate la leccarda.
    Accendete il forno alla temperatura massima lasciando dentro la leccarda,cuocete i naaan uno alla volta,ci vorrano circa 12 minuti alla volta.
    Ora, i naan di solito sono morbidi,ma se li volete un pò più croccantini e gonfi procedete così,dopo aver diviso la pasta in panetti, prenedete uno per volta schiacciatelo un pò e portate i lembi uno alla volta nel centro facendo una leggera pressione,giratelo e tiratelo con il mattarello.

    GAMBERI ALLO ZENZERO E COCCO




    500 gr di gamberi

    3 cucchiai di ghee

    1 cipollotti freschi(anche il verde)

    1 pezzo di rizoma di zenzero

    5/8 pomodori rossi

    1 lemongrass (buccia di lime)

    1 spicchio di aglio

    2 cucchiaini di curry in polvere

    2 cucchai di brodo (pesce o verdure)

    1 lattina di latte di cocco

    1 peperone rosso

    Tagliate il peperone in piccoli pezzi così anche il pomodoro,lasciate da parte.
    In una padella far soffriggere il ghee con il cipollotto ,il lemongrass,l'aglio e lo zenzero,far dorare per 5 minuti,aggiungere i peperone e il pomodoro,allungare con brodo e versare il latte di cocco,aggiustare di sale e aggiungere il curry.
    Far cuocere tutto sino a quando la salsa risulterà densa,poco prima di servire aggiungere i gamberetti,nn fateli cuocere troppo.

    IL GHEE

    solebianco nero

    500 gr di ottimo burro

    Fate sciogliere il burro a calore medio,quando incomincerà a bollire leggermente schiumatelo,vedrete formarsi dei coaguli bianchi,continuate a schiumare ,il tutto nn dovrò durare più di 30 minuti,una volta chiarificato,filtratelo da una pezza pulita e lavata senza detersivo(anche una garza),mettetelo in un barattolo e conservatelo fuori dal frigo,donerà ai vostri piatti un gusto di nocciola molto delicato.

    35 commenti:

    Alex e Mari ha detto...

    Devo decidermi a fare il Ghee. Lo trovo anche pronto nel mio negozietto asiatico, ma non mi fido. E poi è così bello nel vetro. Ho fatto un corso di cucina indiana anche io e mi sono divertita moltissimo. Anche se devo dire che preferisco la cucina thai a quella indiana. Alcune spezie indiane riesco a mangiarle solo con moderazione. Splendido questo piatto e le foto sono sempre + belle. Un bacione, Alex

    stelladisale ha detto...

    Ma che bello il pane, e mi hai ricordato che ho finito il ghee e lo devo rifare, ok sta volta non lo metto in frigo...
    buona settimana :-)

    Lory ha detto...

    @ Alex ,ma quante cose in comune ;-)
    Io anche nn mi fido di quello venduto nei negozi etnici,in ogni caso è cmq fatto in maniera industriale e nessuno mi da la garanzia che nn contenga anche olio di palma ;-(
    Io come te preferisco la cucina thai,e quando cucino indiano uso moderatamente le loro spezie,perchè trovo che siano un pò troppo "aromatiche" come l'assafetida hai presente??..ahahaha!
    Buona settimana

    @ Stella,se lo preprari nella maniera giusta,nn ha davvero bisogno di frigo e cmq sia se nn "pulito "bene" te ne puoi accorgere perchè forma la muffa,perciò vai senza frigo ;-))

    Anonimo ha detto...

    Quanti ricordi...
    La cucina Indiana, tra tutte quelle da me provate, rimane la mia preferita...
    Ho offerto il classico pollo al curry ai miei nuovi amici liguri,
    ma non ha incontrato i loro favori: sono "ancora" troppo chiusi (e sembra non abbiano intenzione di aprirsi, peccato...)
    Anche il Ristorante Etnico (non indiano, no) di Borghetto ha chiuso ed ora vi è un "squallida" pizzeria...
    P@ola

    marcella candido cianchetti ha detto...

    la cucina indiana è fantastica per sapori odori connubi grazie x questo spaccato d'india buon inizio di settimana

    iLa ha detto...

    Come siamo internazionali sta mattina!
    Che bello provare cose nuove! Le tue immagini e le tue ricette sono sempre eccezionali ;-)
    Buon inizio settimana!

    Sere ha detto...

    Che meraviglia questo racconto!!!
    NOnostante la cucina indiana e quindi, speziata, mi faccia impazzire non mi sono mai avventurata nella preparazione di ricette!!! Queste tue alternative mi interessano moltissimo ... mi cimenterò con la cucina indiana!!!

    Saretta ha detto...

    Accidenti Lory, mo' mi autoinvito a cena!!!
    psss...ho cucinato anch'io!RObina semplice però..;)
    Buona settiana
    Baci

    Lory ha detto...

    Oh ragazze un indiano su flickr mi ha sgridato ehhh...ahahah !
    Bè se leggesse l'italiano forse capirebbe che ho ben scritto che quello che ho preparato è una mia rivisitazione del naan ;-))
    Attenzione a ciò che scrivete,ci spiano ..ahahah!
    Cosa dovrei dire io di chi ha pubblicato una carbonara con funghi prezzemolo e cheddar?
    Spacciandola come vera ricetta italiana?..ahahahah
    vabbè a parte gli scherzi..

    @ P@ola l'unico etnico che conosco a Borghetto è quello che sta difronte casa di mia suocera,un cinese ma nn penso sia lo stesso di cui parli tu ;-)
    A Loano nel budello ho mangiato in un ristorante cinese che è meglio dimenticare ;-))
    Tra poco arrivo ehhhh così il pollo lo mangiamo io e te ;-))

    @ Ciao Marcella ,a parte il pout pourri che ho fatto come scritto dall'amico indiano(ma era proprio quello che volevo )direi che si è davvero una cucina fantastica ;-))

    @ Ila hai visto? E nn sono l'unica ehhh ;-))


    ò Sere prova perchè credi nn cè nulla di difficile,basta conoscere gli ingredienti base,comparare magari qualche buon libro di cucina indiana e provare ;-))

    Ehi ma che bello il nuovo avatar ;-))

    Lory ha detto...

    @ Saretta adesso arrivoooooooooooo!

    Lory ha detto...

    Sara ma lo sai che mi sono accorta adesso che nn avevo ancora il tuo link? ;-((
    Rimediato!!
    Stella..hai visto ho risposto in inglese all'indiano..AHAHAHAHAHAHA ,però una parte no..è più forte di me vedi??..ahahahahah!
    Beppe mi mangia se lo legge..ahahahah

    Monique ha detto...

    ciao nè!avevo visto anch'io la "cazziata" su flickr... ih ih ih! le foto son bellissimeeeee

    Lory ha detto...

    @ Monique..ahahahah bè che dire Arvind è indiano ed è giusto che intervenisse un difesa della sua cucina,ma lui l'italiano nn lo legge,guarda solo le figure??
    Vedremo ;-))
    Monique guarda,per le foto devo dire che con la macchinetta che mi ritrovo,vanno davvero più che bene;-)

    Morrigan ha detto...

    Lo feci anch'io e mi durò parecchio, ed effettivamente dà quel sapore di nocciola ai cibi e non rimane pesante per nulla!!!
    Gnam! ^__^

    dede ha detto...

    questo me lo sono salvato e stampato. preziosissimo!!

    Sara ha detto...

    Lory che dire, non ci sono parole. Una curiosità? c'è qualcosa che non sai fare???

    campo di fragole ha detto...

    Lory bellissimo questo post. Mi piace molto l'indiano e quando torniamo in Inghilterra il ristornate indiano e' una tappa obbligata. DA poco hanno aperto un ristonatino indiano anche qui e devo dire che il Korma, il mio preferito lo fanno davvero buono. non molto artificiale, come spesso succede con i ristoranti di cucina straniera... il Naan e delizioso, provero a farlo perche' mio marito ne va matto ed anche io co un po' di salsetta korma ne mangerei a quintalate :)
    Un bacione,
    daniela

    CoCò ha detto...

    Non si finisce ma di imparare dalla mia strega preferita

    dioniso ha detto...

    Il tuo post è molto interessante.
    Io adoro la cucina indiana.
    Sono stati iniziato ad essa da una mia amica(ex-collega) indiana del Punjab (ma trasferitasi a Londra con la famiglia quando aveva 8 anni).
    Mi ha insegnato ad usare lo zenzero, la curcuma, la masala, il cardamomo e il coriandolo. Ella però (forse un po' occidentalizzata) non usava il ghee.

    Saluti

    anna ha detto...

    Ciao Lory, questo pane mi è sempre piaciuto come il pan pita ma non so se riesco a produrlo in versione gluten free. Per adesso mi accontento di fare il ghee e i gamberi allo zenzero. E anche i biscottini cioccolatosi del post precedente mi ispirano molto molto molto....bacioni

    Fabioletterario ha detto...

    Sei una tentazione continua... Io che non vedo l'ora di andare in India...!

    Claudia ha detto...

    :*
    un bacio a questa donna dai facili manicaretti
    per te è tutto facile e quasi quasi ci credo pure io
    ahahah
    :*:*:*

    Lory ha detto...

    @ Morrigan,il ghee può essere usato più volte lo sapevi?
    Anche questa la dice lunga sul suo magnifico uso in cucina ;-))

    @ Dede bene sono felice ;-))

    @ Sara...da quanto scritto da Arvind,stamattina su flickr mi sa tanto di si..ahahahaha ;-))

    @ dany, prova e diimi ,magari anche in altre versoni se le conosci ;-)

    @ Cocò,avvocata mia ;-))

    @ Ciao Dionisio,piacere di rivederti qui ;-)

    @ Anna nn conosco le farine senza glutine in quanto nn le ho mai usate,nn saprei dirti:Però tieni conto che il vero naan è un pane più morbido e un pò più spgunoso rispetto a quello della foto,perciò forse..;-)


    @ Fabio,proprio ieri sera mio marito mi ha detto che avrebbe voglia di uno dei nostri viaggetti lunghi,decideremo più avanti però ;-)
    Chissa magari anch'io ;-))

    @ Claaaaaaaaa beddazza mia ;-))

    Sara ha detto...

    Lory, tu hai la capacità di emozionarmi.

    Ciboulette ha detto...

    Lory,
    quanta fatica per questa cena indiana, ma la vale tutta!!!

    BEllo tutto, dalle ricette alle foto, alla spiegazione!!! Non dovrei piu' stupirmi eppure..... :))
    Se ti va passa da me che ti ho dato un premiuccio! :)

    Aiuolik ha detto...

    Anche noi abbiamo un amico del Punjab! Da lui abbiamo imparato a fare il chapati...ma ora voglio provare anche questo!

    Ciao,
    Aiuolik

    dolcienonsolo ha detto...

    ma quante cose s'imparano da te...
    Sei bravissima!

    marinella ha detto...

    Io adoro la cucina indiana, e queste ricettine vanno dritto dritto nel mio ricettario. Baci

    Lory ha detto...

    @ Sara..eddaiiiiiiii ;-))

    @ Cib,si ne è valsa davvero la pena ;-)

    @ Aiuolik,nn dire niente del mio Naan per carità,altrimenti anche lui mi dirà che l'ho sparata grossa ehhh ;-))
    Che buono il chapati ;-))


    @ Dolci e quante ne imparo io da voi? ;-)

    @ Marinella ma sai che ci sono davvero tantissimi italiani che amano questa cucina,davvero una bella scoperta ;-)

    enza ha detto...

    lory ma il lemongrass non è un'erba? la posso sostituire con la buccia di lime? no perchè io uno che mi vende il lemongrass ce l'avrei pure...

    Lory ha detto...

    Nn è esattamente un erba ma una radice,però puoi usare del lime o limone se nn trovi altro ;-))

    Laura ha detto...

    Spettacolariiiiiiii!!!!!!!!!!!!!

    comidademama ha detto...

    mitico, sul serio, che buone tutte le cose che prepari. E le foto del ghee sono fenomenali.
    Ho molti amici indiani, arrivano da Stati differenti, a casa loro ho imparato a cucinare indiano in molte occasioni, ufficiali, familiari e quotidiane. Come è capitato a te ho scoperto tante cose oltre alle ricette, è stupendo!

    Lory ha detto...

    @ Laura diciamo che si potrebbe fare di meglio,ma mica sono indiana io ;-))

    @ Elena,come invido la tua possibilità di confrontarti anche giornalmente con culture così diverse dalle nostre ;-)
    Come mi disse Mr.Rajiid ,la cucina di casa è altra cosa ancora,rispetto a quello che noi occidentali conosciamo,vorrei un'altra vita per poter imparare ancora tanto ;-))

    Tatiana ha detto...

    Che bella questa ricetta completa!!!!
    Voglio provare il ghe il naan e anche i gamberoni ehehehe