lunedì 17 marzo 2008

SCUCCUZZU'..

scucuzzù



E' un tipo di pasta che ricorda molto la fregola sarda e da quanto ho capito nn è proprio casuale tale similitudine ;-))
In Sardegna ed esattamente a Carloforte e Calasetta , si parla tutt'oggi il dialetto genovese.

Nel 700 un gruppo di persone pegliesi facenti parte della famiglia nobile dei Lomellini in arrivo in Sardegna, dalla lontana Tabarca(Tunisi)dove avevano commerciato in corallo e pesca,decisero dietro invito di re Carlo Emanuele III di Savoia di colonizzare anche l'isola di San Pietro, il cui cuore della popolazione risiedeva in quel di Carloforte.
L'economia andò allargandosi portando a Carloforte un certo benessere,attirando però anche i barbareschi che dopo aver fatto schiavi alcune centinaia di pegliesi,conducendoli in Tunisia per alcuni anni,li rilasciò dietro il pagamento di un "riscatto" versato dall'allora re di Sardegna.
Tornati sull'isola l'economia riprese a fiorire,tanto che altri gruppi di liguri decisero di partire per quel lembo di terra che tanto donava a chi aveva voglia di lavorare.
Nasce così un legame nn solo fatto di lavoro ed interessi,ma anche una mescolanza di tradizioni,storia,cultura e cucina che ancora oggi viene portata avanti con molto orgoglio da parte dei carlofortini.
Cè un detto a Carloforte che riguarda questo il nome dato a questo tipo di pasta..
Avài a còrne a scuccuzù.. Avere la pelle d'oca
Nn sono riuscita a sapere cosa significhi esattamenet Scuccuzzù,ma di sicuro cè qualche ligure che me lo saprà spiegare vero?
Questa pasta è facile trovarla nei minestroni dell'alta Valle Scrivia con l'aggiunta di un bel cucchiaio di pesto ligure!
Questo tipo di pasta l'ho assaggiata per la prima volta l'anno scorso proprio in Liguria,accompagnato ad una minestra di pesce,ho subito pensato alla fregola mangiata in Sardegna con le vongole,inutile dire che me ne sono perdutamente innamorata ;-)
D'inverno per minestre ,d'estate, al posto del riso per insalate fredde accompagnate sempre da pesce, che io adoro ;-)



SCUCCUZZU' CON CECI TRIGLIE DI SCOGLIO E PESTO



350 gr di ceci ammollati (vanno bene anche in scatola)

500 gr di triglie di scoglio pulite

4/5 pomodori rossi

1 cucchiaio di pesto (o più se piace)

1 scalogno

fumetto di pesce o brodo vegetale

1 bicchiere di vino bianco

buccia di 1 limone

In una pentola rosolare lo scalogno aggiungere metà delle triglie,sfumare con vino bianco.Versare il fumetto far prendere il bollore aggiungere i ceci ammollati e far cuocere per una quarantina di minuti.A questo punto aggiungere gli scuccuzzù,dopo 10 minuti mettere le restanti triglie i pomodori tagliati a pezzi, lasciar cuocere ancora per 5 minuti, spegnere il fuco e aggiungere il pesto,versare nei piatti spolverando con la buccia di limone,un giro di olio a crudo servire.
La densità della minestra è a gusto a me piace nn troppo brodosa!

26 commenti:

Alex e Mari ha detto...

Che meraviglia Lory! La settimana scorsa mi sono fatta una scorpacciata di fregola. Non sapevo del dialetto genovese a Carloforte e Calasetta. Spero di poter andare presto a verificare di persona :-)) Poi è nevicato? Bacioni, Alex

Lory ha detto...

Io adoro la fregola Alex ;-))
A Carloforte e Calasetta trovi un sacco di pietanze che ricordano quelle tradizionali liguri ;-))
Na niente neve,ma una bellissima giornata di sole,giovedì si ritorna,ma nn danno grandi speranze per Pasqua ;-((

stelladisale ha detto...

insomma volete proprio farmi venire voglia di sardegna, prima anna col mirto... carloforte è proprio particolare, anche le case sono liguri, però ci sono andata di corsa, ed erano anche i giorni della festa del tonno, mannaggia, e io non potevo fermarmi!
bacioni

Fabioletterario ha detto...

Sì, anche a me sta salendo la voglia di Sardegna... Che profumi!!

Lory ha detto...

@ Stella a chi lo dici,io partirei all'istante ;-))

@ Fab,gli armadi sono a posto?
Allora si parte forza ;-))

Ciboulette ha detto...

Che bell'abbinamento triglia e ceci!!!!!!!!!!!!!!!!!!
:))

campo di fragole ha detto...

Ma che bella! Poi con le triglie..che bonta' :) baci

campo di fragole ha detto...

Ma che bella! Poi con le triglie..che bonta' :) baci

k ha detto...

Mai mangiata (le fregola sì, invece). Bella questa ricetta, anche se ema i ceci - se non sono passati - li guarda con orrore! Valli a capire certi uomini...
bacetti

Adrenalina ha detto...

Io ADORO la fregola con le arselle!!!! Peccato che Marco da Sardo rompi balle non la voglia mai :( mi tocca aspettare di andare da mia suocera!!! speriamo di riuscire a fare una gitarella per il 25 Aprile e andrò (si spera) a farmi un giretto verso Cagliari finalmenteeeeeee!!!
Questa ricetta la provo di sicuro e Marco al limite si mangerà un pane e salame eheheheh

Giovanna ha detto...

treiglie e ceci??? mi ci tufferei !!! che meraviglia Lory altro che di sardegna!!! io ho voglia proprio di questa pasta :)

elisa ha detto...

Che bello sarebbe andare in sardegan..ci troviamo tutte lì..tu Lory porti da mangiare che come lo fai tu.. ;D
Un bacio!

Aiuolik ha detto...

Eh sì, Carloforte e Genova hanno diverse caratteristiche in comune e molte si ritrovano proprio nella cucina!
Buon inizio settimana,
Aiuolik

Liùk ha detto...

mai sentito quel detto...però Carloforte di San pietro ect ect qui c'è l'associazione culturale del genovese che fanno spesso scambi culturali con Carloforte...
A calasetta abita una signora di Chiavari alla quale suo nipote tramite noi spedisce tutti gli anni il pandolce e natale e l'uovo di cioccolata a Pasqua.. e lei lo mette alla finestra per farlo vedere a tutti quelli che passano

Roxy ha detto...

Carloforte....che bei ricordi.....la più bella vacanza della mia vita!!!!!!! In effetti hanno un accento molto bizzarro: un sardo-ligure bellissimo!
Baci

lenny ha detto...

AUGURI (anche se posticipati)per il compleanno virtuale e COMPLIMENTI per il bellissimo e meritatissimo regalo.
Bacioni

Precisina ha detto...

Carissima :-)
Auguroni...in ritardo :-(
Quanto a Sale&Pepe e l'articolo dedicato ai food-bloggers...citare te e' inevitabile!!!
A proposito, anch'io ultimamente ti ho citata spessa sul mio album...varie ricettine rubate qua' e la' :-)
E mi preparo al prossimo furto: la sfoglia dei poveretti, pensavo di utilizzarla per farci la torta pasqualina...come la vedi? fa niente se la preparo in anticipo e la tengo in frigo? 1abbraccio.

Lory ha detto...

ò Cib,io adoro i legumi con il pesce ;-))

@ Campo,grazie mille ;-))

@ K,ma daiiiii proprio tu e io che credevo ;-)
Allora a Giugno si rimedia ;-))

@ Adre a chi lo dici..ahahah!
Anche a beppe piacrebbe di più pane e salame ;-))

@ Giò io ho volgia di Sicilia ccidenti ;-))

@ EEli ecco appunto però a me andrebbe ben anche la Sicilia..ahaha!!

@ Aiùolik ecco,grazie per l'informazione ;-))

@ Liùk...ahahah che tenera quella signora!

@ Roxy si mi fanno morire ogni volta che li sento parlare ;-))

@ Lenny grazie tesora ;-))

@Nadia grazie sei un tesoro come sempre ;-))

The Food Traveller ha detto...

Nammy! Come dicono in america.
Ora finalmente un poco di tempo per tornare sul mondi blog!!!

Ciao!!

The Food Traveller ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
The Food Traveller ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
The Food Traveller ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Lory ha detto...

@ Nadia scusa nn ti ho risposto,tranqui puoi tenerla in frigo anche più giorni senza problemi!

@ Tft,ancora tanti e tanti complimenti ;-)
E finalmente il ritorno ;-))

Viviana ha detto...

ceci.. triglie di scoglio e pesto.... questa cosa non mi è nuova!! ah aha ha h
immagino il gusto a maggior ragione! carinissimo sto scuccuzzuuu ah aha ha baciiiiiiiii

Cookie ha detto...

Questo piatto ha dei colori stupendi!! Mi sembra banale dire brava, sei sempre bravissima!!

Ilaria ha detto...

Ciao..visto che si parla tanto di Sardegna ti mancava un commento da una vera sarda... Dalla foto mi scende la bavetta, ma visto che parliamo di fregola, mji trattengo!! Dalle nostre parti non e` cosi regolare...anzi diciamo che la particolarita` della fregola e` proprio la sua irregolarita`, mia nonna la faceva a mano nel senso proprio che sfregava le mani sulla semola mischiata con un po`d'acqua per formarne i chicchi, percio` venivano tutti diversi.
A presto....