lunedì 15 ottobre 2007

L'AUTUNNO...

A voi piace l'autunno?
A me un sacco, specialmente qunado è così mite e bellissimo come quest'anno ;-)
In montagna ci sono giornate spendide che ti mettono il buonumore!
Siamo andati per boschi e abbiamo portato a casa due porcini e un sacco di castagne.
Mentre andavamo su per le Valli guardate un pò cosa ci veniva incontro

Insieme ad un gruppo di mucche enormi bellissime con campanacci grandissimi ;-)e due cani che sembravano più professori di comportamento che cani...:-))
Nn cè nulla da fare,quando una è montanara dentro....ahahaha si emoziona anche ad un passaggio di transumanaza in mezzo alla strada ;-)
Cmq dopo il passaggio nei boschi e una sosta in malga per comperare ricotta e formaggio fresco ho deciso che varei preprato questi ravioli ;-))nulla di eclatante ma erano di un buono...:-))

RAVIOLI DI CASTAGNE CON RICOTTA E PORCINI AL TIMO SERPILLO




Per la pasta

300 gr. di farina 00

100 gr di farina di castagne

1 cucchiaino di cacao amaro

1 cucchiaio di olio

4 uova

Per il ripieno

300 gr di ricotta

2 porcini

timo serpillo

1 spicchio di aglio

vino bianco per sfumare

olio

sale

Mettere la ricotta a scolare dentro un telo pulitissimo,per una notte!
Il giorno dopo preparare la sfoglia e metterla a riposare sotto una "campana" calda per 30 minuti.
Preparare il ripeno.In una padella con olio e 1 spicchio di aglio, rosolare i funghi e sfumare con vino bianco,aggiungere il timo salare cuocere 5 minuti far raffreddare.
In una terrina mischiare la ricotta con i funghi aggiustare di sale.
Tirare la sfolgia e preparare i ravioli,
Io li ho conditi con un fondo di arrosto,sono buoni anche con burro rosso e rosmarino,nn usate però pomodoro mi raccomando ;-))

28 commenti:

Alex e Mari ha detto...

Buon giorno cara!! Questi ravioli sono miticiiiiii! Ieri ti ho pensato tanto ... e se leggi da me saprai perchè, cara maga :-)! Ti invidio un po' per la domenica passata nei boschi. Non un po' ... tantisssimo!! Un bacio grande, Ale(x)

Cuocapercaso ha detto...

Adoro l'autunno...soprattutto in montagna, con i suoi colori caldi! ma..se posso chiedere...in quale valle e malga sei stata? (anche noi amiamo passeggiare in montagna e credo dalle stesse parti!)
Ciao, buona settimana
Grazia

The Food Traveller ha detto...

Ma insomma ... appena decido di provare una tua ricetta, ne tiro fuori un'altra che mi attira anche di piu'!!!
Fortuna che la farina di castagne qui non si trova! O sfortuna ...

Lory ha detto...

@ Ale...certo che ti capisco:-) e giuro che ne ho mangiato un piatto alle 10 del mattino...ahahah!

@ Grazia ciao,nelle Valli di Lanzo :-) E voi?

@ TFT e no eh,nn si può senza farina specialmente quando ne trovi una macinata artigianalmente come questa,dai manda indirizzo che ne spedisco un pò.Poi questa è quella nuova,un incanto credimi!
La mial è nel mio profilo ;-))

Adrenalina ha detto...

Le pecore!! Andrea in Sardegna quando le vede inizia a saltare come un matto, lo dico io che in montagna si divertirebbe tanto :)
E poi questi ravioli...come fai a dire niente di speciale?? Devono essere favolosi, proprio i sapori dell'autunno che ieri è arrivato inesorabile (lo dico perchè a me non è che piaccia tanto :-P)

Lory ha detto...

Adre,nn hai che da portarlo,posto ne abbiamo lo sai ;-))
Vicino a casa abbiamo anche cavalli,mucche,famiglie di caprioli che ti passano tra le gambe...ahahahah!

stelladisale ha detto...

dev'essere un bellissimo posto dove vai in montagna, anche io sono un po' montanara (nel senso che sono nata a un tiro di schioppo dalle montagne) ma negli ultimi anni "frequento" poco...

devo provare a fare la pasta con la farina di castagne, avevo già in mente le tagliatelle..
ciao in bocca al lupo per la nuova avventura

max - la piccola casa ha detto...

Da noi l'autunno con i suoi colori, i suoi profumi sembra tardare un po' ... peccato!

voglio sicuramente provare la tua bella ricetta (così la fra sarà contenta visto che mi dice che non preparo mai primi), anche se non so se troverò il timo serpillo. Hai ragione da vendere quando dici di non mettere il pomodoro!!!

The Food Traveller ha detto...

Questa la faccio di sicuro! Era tempo che cercavo una ricetta a base di castagne. Abbiamo fatto una cream (ottima) da abbinare a cacciaggone (e mettere sul blog), ma questi ravioli sembrano favolosi!
Fammi chiedere alla moglie se la farina esiste in belgio ... altrimenti mi tocchera chiererti un favoruccio :-)

Lenny ha detto...

Era dall'anno scorso che volevo provare la pasta con la farina di castagne, ma dopo la tua ricetta penso proprio che dovrò provare al più presto.

loste ha detto...

Sabato il mio amico fumatore di sigari, mi ha chiesto se gli facevo un piatto della sua infanzia, con farina di castagne. Alla fine mi ha abbracciato con quasi le lacrime agli occhi. prossimamente posto. Ma la domada è: la farina di castagne deve saper di fumo???
Ci sentiamo poi, Loste

Lory ha detto...

@ Stella io amo anche il mare,ma resto cmq una montanara ;-)

@ Max.oggi a Torino ci sono 22 ° fai un pò tu ;-)Io il timo lo trovo in monatgna,il serpillo ha profumo intenso e delicato,ma usa tranquillamente anche timo norlame!

@ TFT,nessun problema sono qui ;-)

@ Lenny,prova e poi dimmi ;-)

@ Loste,anch'io avrei pianto davanti ad una tua preparazione ;-)
Loste si,se la farina è buona deve proprio aver un retrogusto di fumo e legna!
Da piccola mi ricordo, vendevano delle bustine di carta con dentro della farina di castagne e una piccola cannuccia per aspirarla...ccidenti cosa mi è vanuto in mente,me ne ero totalmente dimenticata ;-)

Ady ha detto...

Ecoone un'altra il timo serpillo!
Questo proprio non lo conoscevo, sul mio balcone c'è il timo ed il timo limoncino , ma questo...
Devo proprio veire sulle tue montagne a fare scorta di erbe!
In primavera va bene?
Un bacio e complimenti per questi deliziosi ravioli.

sciopina ha detto...

complimenti come sempre.
Volevo chiederti del burro rosso..non ne ho mai sentito parlare.
A presto
sciopina

Lory ha detto...

@ Ciao Sciopina,il burro rosso è la fase prima del burro nocciola,quando lo fai sciogliere,hai presente? :-)

elisa ha detto...

da come descrivi la tua giornata in montagna tutta contenta mi sembri Heidi..che fortuna!!!
Buoni i ravioli con la farina di castagne e il ripieno mi piace ancora di più..
baci e in bocca al lupo per domani
;)

Liùk ha detto...

autunno mite... qui stanno facendo ancora il bagno................

ep ha detto...

Prima di tutto, grazie per la ricetta di salsiccie e uva....L'ho fatta ieri per i miei ospiti...beh beh, ancora si leccano i baffi...GRAZIE! Buona giornata

Elisa - Basilico&Co. ha detto...

ma io mi autoinvito a casa tua!!! Che splendidi questi ravioli! Ho voglia di andare per boschi a funghi... io con l'influenza ho un freddo tremendo.. autunno mite.. boh!! Però cavolo che voglia di andare a fare una bella camminata.. ma sopratutto ho voglia di ravioli.. una di queste sere ci provo!!

Viviana ha detto...

Ma in che senso niente di eclatante?????? uaaaaaooooooo spettaaaacoloooooooo!!!
Alex mi ha preceduta.... anche io mi sono attrazzata per inondare di magia la mia pentola per le minestre!!! un bacio carissima! buon inizio settimana!!

Aiuolik ha detto...

Ravioli di castagne? Devono essere strepitosi!
Qui fa ancora caldo ed è un po' prematuro parlare di autunno...in realtà l'autunno vero qui non esiste e si passa dalla calda estate al mito inverno senza soluzione di continuità.

Ciao,
Aiuolik

Cuocapercaso ha detto...

Anche noi spesso camminiamo da quelle parti, o in Valle d'Aosta o nel Parco Naturale Orsiera-Rocciavre' (rifugio toesca, conosci)?

ciao!!

Grazia

CoCo ha detto...

Scusa come dici? Nulla di eclatante? Non so che darei per assaggiarne uno (va be uno...un piatto!)

Excalibur ha detto...

solo una parola..fantastici, adoro i funghiiiiiiiiii

Brikebrok ha detto...

ravioli con sapore d'autunno ...uhmmmm

marzia ha detto...

ero convinta di aver postato un commento l'altro giorno... ed invece non è comparso. misteri informatici...
comunque, non potevo mancare in un post dove ci sono delle pecore!
lo punto lo traevo da quanto scritto da cuocapercaso, che pur essendo di queste parti (piemonte), parla di MALGHE.
per favore, chiamiamole con il loro nome! non siamo in Trentino (siamo stati colonizzati da questa regione, perchè è la più famosa dal punto di vista del turismo di montagna), quindi qui abbiamo addirittura un nome diverso per ogni vallata: miande, muande, alp, arp, gias, bergeria, margheria... e poi ancora altri! così abbiamo i MARGHE' ed i BERGE' (margari e pastori)... ed allora chiamiamoli semplicemente con il nome italiano, senza ricorrere al dialetto (trentino, piemontese, veneto...): ALPEGGI!

ps: per chi vuole vedere altre transumanze e tante pecore, venite a farmi visita

Lory ha detto...

Hai ragione Marzia,ma visto le mie origini e visto che a casa mia le abbiamo sempre chaimate così ;-(
Anche se vivo qui in Piemonte contin uo a chiamarle malghe,mi scuso!

marzia ha detto...

non c'è da scusarsi... d'altra parte, anche il correttore automatico di windows corregge margari in malgari... ;-)